Google Website Translator Gadget

sabato 14 gennaio 2012

Napolitano: 'Ripensare ammortizzatori sociali'. Sappiamo solo cercare i tappi ai troppi buchi!

Lavoro: Fornero ha visto Camusso Al via contatti informali con parti sociali  -Guarda le MAGLIETTE e i POSTER di Basfardo-
the president calls for a review of economic
measures for redundant fired workers.
Il ministro del Lavoro Elsa Fornero ha incontrato i rappresentanti delle parti sociali sulla riforma del mercato del lavoro. Susanna Camusso, Cgil, ha criticato gli incontri bilaterali separati, chiede "un confronto serio e onesto". Per la Cgil si è trattato di "un incontro usuale, di carattere informale, per definire l'agenda di lavoro" mentre "ora è auspicabile il ritorno a modalità di confronto ordinarie e vere".
La fase di incontri informali con le parti sociali, ha spiegato il ministero, proseguirà la prossima settimana con gli altri leader sindacali e con i rappresentanti delle imprese. E al termine verrà definita l'agenda di temi e modalità per il confronto che porterà "nei tempi brevi indicati dal Presidente del Consiglio Mario Monti" al varo della riforma.
[ANSA.it]
 
 

 -Guarda le MAGLIETTE e i POSTER di Basfardo-

Il confronto con il governo è partito dunque da un faccia a faccia con l'interlocutore più ostico, la Cgil, che non aveva nascosto di temere una apertura al dialogo "tutta fumo" e il rischio di alimentare divisioni nel fronte sindacale improntando la discussione ad un metodo "stile Sacconi". "Non è necessaria la concertazione anni '90 ma un confronto serio e onesto'': la Cgil lo ha sottolineato, ancora su Twitter come nei giorni scorsi, solo poche ore prima dell'incontro. Incalzando il governo: se vuole un accordo, avverte, "chiami i sindacati e parli chiaro, individuando obiettivi e strumenti", sarebbe "buon senso", altrimenti "é solo tutto fumo per decidere da soli".
Dalla Cgil anche un pressing su Cisl e Uil per una posizione unitaria, non senza stoccate sul diverso approccio nei confronti del governo. "Bisogna concordare uno spartito, non si può chiedere ogni giorno la concertazione e poi accettare di fare i solisti stonati", ha sottolineato il sindacato guidato da Susanna Camusso: all'appuntamento con il governo "con Cisl e Uil serve arrivarci con una posizione comune".
E la Cisl ha replicato: la gravità del momento non consente di "innescare polemiche pregiudiziali o peggio ancora di esprimere giudizi caricaturali sulle posizioni altrui"; verificheremo nei fatti, ha sottolineato il sindacato di Raffaele Bonanni, "la reale volontà sia del governo sia delle altri parti sociali di fare una vera trattativa", di arrivare a quel "patto sociale" che serve al Paese. Mentre il leader della Uil, Luigi Angeletti, ha preannunciato "una discussione tutti insieme", tra sindacati, prima degli incontri con il Governo (poi di fatto anticipata dall'incontro Fornero-Camusso), ed è certo che di fronte ad una situazione "carica di incognite", con un "anno difficilissimò da affrontare, le forze sindacali troveranno la forza di "una posizione unitaria". [ANSA.it]

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento